Giovinazzo (BA) 24-25-26 Giu 2011 “Che genere di educazione?”

Giovinazzo (Ba) – 24-25-26 Giu 2011 
Che genere di educazione?

 

Workshop residenziale sulla pedagogia di genere rivolto a insegnanti, educatori ed educatrici, genitori e chi è interessato all’educazione e alle tematiche di genere.

Casa per ferie Fra’ Camillo Campanella di Giovinazzo (Ba)
Le iscrizioni sono aperte fino al 31 Maggio 2011
Email: [email protected]

Nelle relazioni quotidiane agiamo e pensiamo come uomini e come donne rispondendo ad aspettative di ruolo legate alla propria appartenenza di genere. A causa di queste aspettative, alcuni nostri comportamenti sono considerati specifici del maschile e altri del femminile, in una contrapposizione assunta come naturale. È innaturale per un uomo avere momenti di fragilità o piangere? È innaturale per una donna avere momenti di rabbia e di aggressività? Secondo la nostra società è nell’ordine delle cose considerare le donne più deboli, meno portate per attività fisiche legate alla forza e alla tecnica, così come è ovvio, se abbiamo il rubinetto del lavandino rotto, chiamare un idraulico uomo. I più recenti studi di genere ci dicono invece che queste divisioni sono quasi sempre frutto di condizionamenti sociali e culturali.

La costruzione dei modelli di genere vincola gli esseri umani fin dalla nascita ad assumere dei ruoli che spesso sono causa di insofferenza e infelicità, ostacolando la libera espressione del sé e impoverendo di conseguenza anche le relazioni.

L’educazione al genere si propone di indagare criticamente la costruzione dei ruoli di genere e la diffusione degli stereotipi che li alimentano all’interno della società di massa e multimediale. Un ruolo centrale in quest’analisi critica assumono i luoghi di aggregazione giovanile, istituzionali e non, in cui circolano queste idee e questi modelli, che proprio per questo possono trovare terreno fertile per alimentarsi oppure occasioni per essere decostruiti. Questo workshop si propone di offrire stimoli e strumenti educativi a partire dalle esperienze didattiche e formative interne al percorso di Maschile Plurale, in particolare agli attori e alle attrici sociali delle aree educative: insegnanti, genitori, educatori/educatrici, operatori/operatrici sociali che lavorano a contatto con bambini, bambine e adolescenti.

Attraverso le modalità della narrazione, delle attività laboratoriali e dell’analisi teorica, verranno valorizzate le competenze cognitive e quelle relazionali, esplorando diverse esperienze pedagogiche legate all’identità e alla differenza, agli stereotipi, alla violenza di genere, ai legami tra omofobia, sessismo e bullismo.

Verranno altresì fornite indicazioni di lavoro e strumenti metodologici e pratici per ripensare la propria attività all’interno dei diversi percorsi educativi e formativi.

Il workshop si terrà alla Casa per ferie Fra’ Camillo Campanella di Giovinazzo (Ba) nei giorni 24-25-26 giugno 2011 e verranno condotti dagli educatori Sandro Casanova e Gianluca Ricciato, dell’associazione Maschile Plurale e del progetto Fiocco Bianco contro la violenza alle donne

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA’

1. Attività introduttive. Creazione del gruppo di lavoro, attività laboratoriali di gruppo e narrative
Costruzione del setting
Chi siamo? Cosa facciamo?
Presentazione Maschile Plurale, Gruppo Trasformazione, Fiocco Bianco
Il percorso di Maschile Plurale: dalle prime riflessioni ai gruppi di autocoscienza fino all’elaborazione politica e culturale. La nascita del gruppo Trasformazione e i suoi laboratori in divenire

2. Analisi teorica sulle prospettive di genere. Introduzione alla questione del genere, dell’identità-differenza e degli stereotipi
La riflessioni sulle società patriarcali e sui modelli maschili e femminili: filosofia e pedagogia del partire da sé per incontrare il mondo 
Le differenze tra sesso e genere: approcci critici
La storia delle idee che decostruiscono i modelli normativi di genere: il femminismo, gli orientamenti sessuali, i percorsi della nuova mascolinità

3. Obiettivo: educare al genere. Presentazione di strumenti e metodologie della didattica di genere
Educare al genere come relazione trasformativa, strumento per acquisire consapevolezza di sé, sul proprio stare nel mondo come identità sessuata
Metodologia: dalla relazione frontale alla metodologia interattiva, metodi e strumenti dell’ascolto attivo, il teatro dell’oppresso, la ludopedagogia, l’approccio di genere nelle materie curricolari, la campagna del Fiocco Bianco
Strumenti: brainstorming, mappe concettuali, role-playing, teatro immagine, discussione di gruppo, media education, narrazione autobiografica

4. Fare educazione. Messa in atto di pratiche educative di genere
L’esperienza educativa attraverso il fare: laboratori esperienziali, teatralizzazioni, utilizzo dei dispositivi audiovisivi come momenti di apprendimento attivo e creativo

**************************************

 

  • Sandro Casanova, laureato in Sociologia, attualmente sta conseguendo il Master “Genere, pari opportunità, intercultura: politiche socio-educative in contesti globali” presso la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Firenze. Ha lavorato come operatore sociale ed è stato educatore presso la Scuola di Pace di Montesole (Bo). Fa parte dell’Ass. Maschile Plurale e del Laboratorio Smaschieramenti di Bologna. Ha dato vita, insieme al gruppo bolognese di Maschile Plurale e alla Casa delle donne per non subire violenza, alla didattica del Fiocco Bianco nelle scuole secondarie inferiori e superiori del territorio provinciale bolognese
  • Gianluca Ricciato, laureato in Filosofia, ha conseguito il Master in Educazione Ambientale presso l’Università di Bologna, specializzandosi nelle metodologie della didattica alternativa in contesti educativi scolastici ed extrascolastici rivolti a bambini, bambine e adolescenti. Fa parte dell’Ass. Maschile Plurale e del Laboratorio Smaschieramenti di Bologna. Ha dato vita, insieme al gruppo bolognese di Maschile Plurale e alla Casa delle donne per non subire violenza, alla didattica del Fiocco Bianco nelle scuole secondarie inferiori e superiori del territorio provinciale bolognese

 

**************************************

– ACCOGLIENZA DALLA MATTINA DI VENERDI’ FINO ALLE 17

– PASTI PREVISTI: CENA DI VENERDI’, PRANZO E CENA DI SABATO, PRANZO DI DOMENICA

– INIZIO ATTIVITA’ VENERDI’ 24 GIUGNO H. 18

– FINE ATTIVITA’ DOMENICA 26 GIUGNO H. 15

 

**************************************

Il workshop si svolgerà presso la struttura residenziale Casa per ferie Fra’ Camillo Campanella di Giovinazzo (Ba). Il programma prevede la possibilità di pernottamento nella struttura, in camere di diverso tipo, e quattro pasti inclusi nel prezzo totale, dalla cena di venerdì al pranzo di domenica più prima colazione nelle giornate di sabato e di domenica

Costi

Workshop + 2 Pernottamenti in camera multipla + 4 pasti = 170 euro
Workshop + 2 Pernottamenti in camera doppia + 4 pasti = 185 euro
Workshop + 2 Pernottamenti in camera singola + 4 pasti = 200 euro
Workshop + 4 pasti = 140 euro

 

**************************************

Come arrivare:

In treno dalla stazione di Giovinazzo prendere autobus unico e scendere al capolinea (h.7, h.8.30, h. 10.05, h. 12, h. 13.35)
In macchina: autostrada A14 prendere uscita per Giovinazzo, SS16 e seguire indicazioni Chiesa S. Crocefisso o Cimitero.
Indirizzo: Via Crocefisso n 54 – Giovinazzo (BA)

 

**************************************

Contatti:

Gianluca Ricciato: 3460561552
Sandro Casanova: 3479315927
Email: [email protected]
Email [email protected]

 

**************************************

Links utili:

www.maschileplurale.it
www.fioccobianco.it
http://www.agescilecceadriatica.it/zona/index.php?option=com_content&view=article&id=155:casa-per-ferie-fra-camillo-campanella&catid=55:documenti&Itemid=115

 

Maschile Plurale

"Raffina i sentimenti, trasgredisci i rituali"

Potrebbero interessarti anche...