Corsico 10 Mar 2012 “Chi è il maestro del lupo cattivo?” una presentazione

Corsico 10 Marzo Ico Gasparri presenta il suo libro alle ore 16,30
Sala la Pianta, Via G.Leopardi, 7
Chi è il maestro del lupo cattivo? 
La donna nella pubblicità stradale Milano 1990-2011

È arrivato il momento di dare alle stampe questo libro che mi ha tenuto compagnia per tanti anni, in attesa di avere le sue piccole parole allineate nell’inchiostro. Domani mattina le avrà e finalmente mi potrò riposare.

Sono arrivato alla fine di un lungo sforzo e non so se ci sono arrivato nelle migliori condizioni e con il migliore prodotto. Importante è esserci arrivato e affidare ora agli altri che lo leggeranno questo mio lungo, travagliato, silenzioso, a volte doloroso, diario.

Più di vent’anni impegnati per raccogliere un’idea di riflessione e di lotta civile, passando attraverso vere e proprie epoche di questo sventurato paese al quale ormai poche cose ci tengono legati se non la retorica dell’esserci nati. Ho combattuto spesso da solo e ora sono felice di vedere che la stessa lotta è diventata patrimonio diffuso. Certo, non mi faccio alcuna illusione, questo patrimonio è ancora larghissimamente minoritario tra le donne e quasi del tutto assente tra i maschi italiani. Ma prima era ancora peggio, molto peggio. E so di aver contribuito a questo lento ma inesorabile risveglio delle coscienze. Non è stata una cosa da poco sentirsi utili.

Non è stata una cosa insignificante ricevere tanti ringraziamenti, complimenti sinceri e semplici per aver condotto una così speciale campagna per i diritti civili. Le pagine saranno per molti versi un diario intimo, un racconto accorato e sincero del mio impegno e di quella che anche a me, vista dal dopo, sembra un’inusuale prova di determinazione e di resistenza. Ma ero fermamente convinto che quella cosa lì, cioè la raccolta meticolosa e continua delle immagini per strada, andasse fatta e andasse fatta bene e senza risparmiarsi. E io l’ho fatta così, al servizio delle sole mie convinzioni e della proiezione – che nel lontano 1990 avevo fatto – circa la deriva ormai sotto gli occhi dell’intero pianeta del nostro ridicolo paese.

Gli stranieri ridono di noi, si chiedono cosa facciamo, perché siamo così. E noi fingiamo di non sentirli e continuiamo a credere di essere nel giusto. E io fotografavo, fotografavo, senza un sostegno né un piano ben preciso, senza una data d’arrivo prevista, senza risorse finanziarie, senza sponsor, senza aiuti. Sono semplicemente andato avanti lungo una strada che andava tracciata. Ora la strada c’è e tocca a tutti noi di percorrerla con uno spirito più intransigente e coraggioso. Basta con la leggerezza che ci ha ammorbato per tutti questi anni. Basta con l’accoglienza indiscriminata di idee e persone che non meritano di essere da noi considerate. Facciamo una bella pulizia dentro e fuori da noi e cerchiamo di immaginare un qualche futuro meno sciatto e mediocre.

A voi non resta che sostenere questo mio lavoro perché l’ho fatto anche a nome vostro, rinunciando a molto per me. L’ho pubblicato senza un editore, perché tutti quelli a cui l’avevo sottoposto lo hanno rifiutato, ignorato, cestinato, perso. Allora me lo sono dovuto anche progettare, impaginare, correggere, stampare, pagare e vendere.

Io ce l’ho messa tutta, adesso mi riposo un po’ e aspetto gli ordini da parte vostra all’indirizzo [email protected]
oppure [email protected]

Il libro si “guarda” nella sua parte fotografica sul sito www.ilmaestrodellupocattivo.it

10 novembre 2011

Ico Gasparri

 

 

Maschile Plurale

"Raffina i sentimenti, trasgredisci i rituali"

Potrebbero interessarti anche...